News

Osservatorio Mobile B2c Strategy

06/02/2018

Il giorno di San Valentino, Laser onorerà la sua promessa d'amore verso il mondo "mobile", partecipando "in prima persona" al Convegno finale di presentazione dei risultati della Ricerca 2017 dell'Osservatorio Mobile B2c Strategy, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano. L'obiettivo dell'Osservatorio è quello di scattare una fotografia dello stato di adozione del Mobile in Italia ed essere un importante momento di confronto e discussione sui trend e sulle opportunità derivanti dalla forte crescita di tale canale.

In particolare, il nostro CEO, Paolo Conta, interverrà durante la tavola rotonda dedicata al tema del "Mobile nel processo d'acquisto". Insieme a lui, ci saranno Dario Calogero (Chairman & CEO, Ubiquity), Luca Manara (Founder, App Quality), Alessandro Musella (Director of Sales, S-EMEA CIS, SAP Digital Interconnect), Roberto Rocchi (Responsabile Mercato, Toshiba Global Commerce Solutions) e Valeria Santoro (Country Manager, Stocard).

Sono oltre 29 milioni gli italiani tra i 18 e i 74 anni che accedono a Internet mensilmente da Mobile, e cioè il 67% della popolazione in questa fascia d'età. Il 40% degli acquirenti online fa già acquisti anche dallo Smartphone e così nel 2017 il peso del Mobile Commerce sul totale sale al 25% (in crescita del 65% rispetto all'anno precedente). Anche gli investimenti delle imprese in advertising su Smartphone continuano a crescere a doppia cifra. Numeri che testimoniano le trasformazioni in atto nella relazione tra consumatori e aziende.

Nelle strategie messe in campo dalle imprese italiane, il Mobile sta ricoprendo ruoli molto differenti tra loro, costituendo, a seconda dei casi: un nuovo canale attraverso cui fruire dei medesimi servizi e opportunità degli altri punti di contatto; una nuova customer experience grazie alla valorizzazione delle peculiarità dello strumento e all'integrazione tra esperienza online e offline; un nuovo modello di business, attraverso la creazione di servizi innovativi e in alcuni casi disruptive. Anche la capacità di raggiungere performance interessanti su tale canale è molto variegata tra le aziende analizzate.